Domande frequenti su DE e IPB Domande frequenti su DE e IPB

DOMANDE FREQUENTI SULLA DE

1 — CHE COS'È LA DISFUNZIONE ERETTILE (DE)?

La DE si definisce come l’incapacità persistente di ottenere e mantenere un’erezione sufficiente a permettere una prestazione sessuale soddisfacente1. Nella sua forma parziale, la più comune, si manifesta attraverso la diminuzione della rigidità del pene in fase di erezione e attraverso l'incapacità di mantenere l’erezione per un periodo di tempo sufficiente a concludere un atto sessuale. Quando si è invece in presenza di una incapacità totale di raggiungere un’erezione si parla di DE completa.2,3

2 — LA DE IMPLICA ASSENZA DI DESIDERIO SESSUALE?

Si può essere affetti da Disfunzione Erettile anche in presenza di un normale desiderio sessuale ed essendo in grado di raggiungere l’orgasmo e di eiaculare3. Il modo migliore per affrontare il problema è parlarne con un medico (medico di famiglia o specialista in uro-andrologia).

3 — NON HO MAI AVUTO PROBLEMI, LA SCORSA SETTIMANA PERÒ NON SONO RIUSCITO AD AVERE UNA EREZIONE, MI DEVO PREOCCUPARE?

No, episodi di questo tipo capitano a quasi tutti gli uomini; bisogna riuscire a non dare troppo peso all’accaduto e ad andare avanti. Qualora gli episodi si dovessero ripetere con una certa frequenza, è bene parlarne con un medico.4

4 — QUALI SONO LE CAUSE DELLA DE?

La DE può essere causata da fattori fisici e psicologici. I fattori di rischio principali sono età, fumo di sigaretta, abuso di alcool e sostanze stupefacenti, l’assunzione di alcuni farmaci (antipertensivi, antidepressivi, tranquillanti maggiori, ormoni, ecc.), diabete, obesità e dislipidemie, ipertensione arteriosa, malattie cardiovascolari, aterosclerosi, endocrinopatie (ipogonadismi, iperprolattinemie), malattie sistemiche croniche (insufficienza renale cronica, epatopatie), malattie neurologiche centrali e periferiche (morbo di Alzheimer, malattia di Parkinson, sclerosi multipla, malattie demielinizzanti, ernie discali, traumi midollari e perineali), chirurgia della pelvi (chirurgia radicale per neoplasia della prostata, della vescica, del grosso intestino). Il medico può determinare le cause della tua DE e somministrare il giusto trattamento.5,6,7,8,9,10

5 — DISFUNZIONE ERETTILE E IMPOTENZA SONO LA STESSA COSA?

Sì. "Impotenza" è stato un termine comunemente utilizzato in passato, fino a che l'Istituto Sanitario Nazionale americano (il NIH) tenne una conferenza proprio per raggiungere un consenso sulle definizioni. Nel corso dell’incontro si decise che il termine “impotenza” sarebbe stato sostituito da quello di “disfunzione erettile” o DE. La decisione venne confermata nel 1999 durante la prima consultazione interna dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).3

6 — LA DE È UN ASPETTO INEVITABILE DELL'INVECCHIAMENTO?

Con l’avanzare dell’età crescono le possibilità di sviluppare la DE, ma questo non significa sia un processo inevitabile2. Le opzioni di trattamento sono varie9; se sospetti di soffrire di DE consulta subito il tuo medico e affronta il problema.

7 — QUANDO PARLARNE CON IL MEDICO?

Una défaillance occasionale non deve suscitare preoccupazione. Se però si verificano di continuo o di frequente, è bene parlarne con il proprio medico poiché potrebbe trattarsi di un segnale da non ignorare. Oltre all’impatto sulla qualità di vita dell’uomo e della coppia, potrebbe mettere in pericolo la salute generale perché può essere la conseguenza di altre patologie o terapie farmacologiche. Anche per questo non va trascurata.

8 — SEI L'UNICO AD AVERE LA DE?

Niente affatto! È una patologia più comune di quanto si possa pensare. Il 52% degli uomini tra i 40 ai 70 anni soffre di DE2. Il 13% della popolazione maschile Italiana (oltre 3 milioni di uomini) soffre di Disfunzione Erettile11.

9 — LA DE PUÒ ESSERE CAUSATA DA ALTRE MALATTIE?

Sì. Il diabete mellito ad esempio è una tra le malattie più frequenti nei maschi e si associa a disfunzione erettile in un’elevata percentuale di casi, con una prevalenza significativamente maggiore rispetto alla popolazione generale; la prevalenza aumenta con l'età, la durata e la gravità della malattia.12,13,14 Per conoscere le altre malattie associate alla DE clicca qui

10 — LA DISFUNZIONE ERETTILE E’ UNA CONDIZIONE SOLAMENTE PSICOLOGICA?

No. Oggi sappiamo che nel 70-80% dei casi è il sintomo di una patologia organica a volte pericolosa per la salute generale15.

11 — L’USO DI SOSTANZE STUPEFACENTI FACILITA IL RAPPORTO SESSUALE?

Le sostanze stupefacenti, di qualunque sostanza si tratti, sono causa di Disfunzione Erettile.16

12 — LA DISFUNZIONE ERETTILE PUÒ ESSERE CURATA?

Quando le cause alla base della DE sono da ricondurre ad aspetti psicologici o a fattori ormonali e quando la disfunzione è un effetto collaterale derivante dall’assunzione di un farmaco, la patologia può essere reversibile. Spesso però è legata ad altre patologie. In questi casi la DE è irreversibile, ma può essere trattata raggiungendo risultati molto positivi.15

13 — COME SI CURA LA DE?

Il primo passo è parlarne con il medico che identificherà la terapia più idonea e fornire al paziente aspettative realistiche a lungo termine. Prima di iniziare qualsiasi trattamento, è importante comprendere l’origine della disfunzione erettile (organica, psicogena o mista) attraverso gli esami che il medico riterrà più opportuno effettuare. Potrà decidere di correggere lo stile di vita e eliminare i fattori di rischio prima o contemporaneamente all’inizio della terapia. La terapia di prima scelta è costituita dalla terapia orale. Al momento ci sono 4 farmaci approvati per il trattamento della disfunzione erettile. In caso di insuccesso della terapia orale o di impossibilità ad assumere farmaci orali, la disfunzione erettile può essere affrontata attraverso iniezioni intracavernose, prostaglandine intrauretrali, pompe a vuoto (vacuum device) o protesi peniene. Al di là di questi livelli di trattamento, l’aspetto psicologico riveste una grande rilevanza nei casi di disfunzione erettile, ragion per cui la psicoterapia, associata ad altre forme di trattamento, è senza dubbio un utile supporto.1,17

14 — POSSO COMPRARE IL FARMACO ONLINE?

No, per tre motivi:
1) è illegale: i farmaci per la DE sono soggetti ad obbligo di prescrizione medica;
2) è pericoloso assumere farmaci senza controllo medico;
3) l’acquisto online non ti permette di fare gli esami utili per giungere ad una corretta diagnosi di DE o delle patologie che ne sono la causa, mettendo a rischio la tua salute generale18.

15 — L’ETA’ AVANZATA E’ UNA CONTROINDICAZIONE AL TRATTAMENTO?

No. Il medico dovrà valutare la tipologia di trattamento da prescrivere considerando che uomini di 80-90 anni che oggi utilizzano trattamenti per la Disfunzione Erettile hanno risultati sovrapponibili ai pazienti molto più giovani. Inoltre, la sessualità, in generale, non va considerata un tabù in età avanzata. Basti pensare che alcuni studi segnalano come un uomo che continua ad avere una sessualità vive più a lungo ed ha meno possibilità di ammalarsi di un altro che sceglie l’astinenza.19

16 — GLI AFRODISIACI AIUTANO L’EREZIONE?

Sono molteplici le sostanze alimentari considerate “afrodisiache” ma per nessuna esiste la dimostrazione scientifica di una effettiva azione sulla sessualità maschile.20

17 — COME PARLARE AL MEDICO DEL TUO PROBLEMA?

Parlare con il proprio medico di problematiche legate alla DE può risultare difficile, spesso imbarazzante. Ricorda che il lavoro del medico è aiutarti mantenendo riservate le informazioni su di te. La DE è uno dei tanti problemi di cui i medici si occupano regolarmente, quindi non devi sentirti a disagio. Ricorda che la DE non è solo un problema di sesso, ma può essere la spia di altre malattie, dunque non esitare ad aprirti con il tuo medico.

18 — COME PARLARE ALLA PARTNER DEL TUO PROBLEMA?

Se soffri di Disfunzione Erettile, una delle cose più importanti per la coppia è parlarne, poiché la patologia influisce anche sulla vita del partner. Porta alla luce il problema, rendi partecipe l’altra persona dei tuoi sentimenti e ricordati di riconoscere e rispettare anche i suoi.

19 — CON L'UTILIZZO DELLA PILLOLA CHE RUOLO ASSUME IL PARTNER?

Le terapie farmacologiche orali, per avere effetto, richiedono una stimolazione sessuale. La partner ha inoltre un ruolo fondamentale per supportare il proprio compagno nel seguire uno stile di vita corretto e nell’essere costante nelle visite di controllo.21

20 — È VERO CHE ALCUNI FARMACI POSSO CAUSARE LA DISFUNZIONE ERETTILE?

Si, tra i farmaci che possono causare la DE vi sono ad esempio alcuni diuretici e i beta-bloccanti, farmaci attivi sul sistema nervoso centrale, che vengono prescritti per il trattamento dell’ipertensione arteriosa.15,22,23

21 — QUALI ESAMI è NECESSARIO FARE PER SAPERE SE E’ DISFUNZIONE ERETTILE?

Fondamentale la visita dal medico che, per giungere ad una corretta diagnosi, analizzerà la storia clinica del paziente, condurrà una visita medica generale e mirata, prescriverà alcune analisi del sangue, per poi valutare l’opportunità di realizzare alcuni esami specialistici.24

DOMANDE FREQUENTI SULLA IPB

1 — CHE COS'È LA IPERPLASIA PROSTATICA BENIGNA (IPB)?

La Iperplasia Prostatica Benigna, o IPB, è una patologia che provoca l’ingrossamento della prostata, con conseguenti ripercussioni sul funzionamento dell’apparato urinario. Si manifesta generalmente in età avanzata (50+). Oltre l’età, i principali fattori di rischio sono, i fattori ereditari, il diabete, la sindrome metabolica, l’aterosclerosi e uno stile di vita non adeguato.25,26,27

2 — QUALI SONO I SINTOMI DELLA IPB?

La IPB si manifesta con sintomi di diversa intensità, tra questi:25,28

  • l’aumento della frequenza della minzione, il cui flusso può risultare debole o lento, e intermittente
  • il bisogno improvviso e urgente di urinare e la sensazione che la vescica non sia stata completamente svuotata dopo la minzione
  • la necessità di urinare spesso durante la notte, nota anche come Nicturia, con conseguente disturbo del sonno.

Questi sintomi sono anche detti sintomi del basso tratto urinario (in inglese lower urinary tract symptoms, LUTS).

3 — QUALI SONO LE CAUSE DEI SINTOMI DELLA IPB?

I sintomi legati all’IPB sono in parte dovuti proprio all’ingrossamento della prostata che, bloccando parzialmente l’uretra, interferisce con l'eliminazione dell'urina. La prostata ingrossata può essere tuttavia sintomatica di altre patologie e solo un consulto con uno specialista può chiarire se si tratta di IPB o di condizioni più gravi, come il cancro alla prostata29.

4 — CHI PUÒ SOFFRIRE DI IPB?

La IPB è piuttosto frequente dopo i 50 anni. Oltre il 50% degli uomini di questa età infatti presenta i sintomi urinari ad essa associati (aumento della frequenza della minzione, flusso debole o lento e intermittente, bisogno improvviso e urgente di urinare, necessità di urinare spesso durante la notte). Altri fattori di rischio, oltre l’età, sono la presenza di diabete, sindrome metabolica, aterosclerosi, uno stile di vita non adeguato e fattori ereditari.25,26,27

5 — COME TRATTARE I SINTOMI DELLA IPB?

Quando la IPB si manifesta in forma lieve, il medico monitora l’andamento dei sintomi che possono essere tenuti sotto controllo con un cambiamento dello stile di vita. Se la patologia si manifesta in forma grave, e i suoi sintomi sono più fastidiosi, si ricorre a terapie farmacologiche, selezionate sulla base della sintomatologia e della presenza di ulteriori patologie. 26,28

6 — COME PARLARNE AL MEDICO DEL TUO PROBLEMA?

La IPB è uno dei tanti problemi di cui i medici si occupano regolarmente, quindi non devi sentirti a disagio a parlarne con il medico. Inoltre, poiché spesso i sintomi urinari da IPB si associano a problemi di disfunzione erettile, è opportuno condividere con il medico anche questi aspetti, che insieme influiscono profondamente sulla qualità di vita tua e della partner. Ricorda che il lavoro del medico è aiutarti mantenendo riservate le informazioni su di te.

7 — COME PARLARE ALLA PARTNER DEL TUO PROBLEMA?

Se soffri di IPB, è importante parlarne anche con la tua partner. Spiegale che alla base della IPB c’è un problema medico e che esistono varie opzioni terapeutiche per trattarla28.

bibliografia

  1. 1. Hatzimouratidis K et al. EAU Guidelines on Male Sexual Dysfunction: Erectile dysfunction and premature ejaculation. European Association of Urology 2015
  2. 2. Feldman HA, Goldstein I, Hatzichristou DG, Krane RJ, McKinlay JB. Impotence and its medical and psychosocial correlates: results of the Massachusetts Male Aging Study. J Urol. 1994;151:54-61
  3. 3. NIH Consensus Development Panel on Impotence, JAMA, 270:83, 1993
  4. 4. Smith JF,Sexual Function and Depressive Symptoms among Male North American Medical Students. J Sex Med. 2010 Nov 8
  5. 5. Ghanem H, Porst H. Etiology and risk factors of erectile dysfunction. In: Porst H, Buvat J, eds. Standard Practice in Sexual Medicine. Malden, MA: Blackwell Publishing; 2006:49-58
  6. 6. Porst H, Sharlip ID. Anatomy and physiology of erection. In: Porst H, Buvat J, eds.; Standard Practice in Sexual Medicine. Malden, MA: Blackwell Publishing; 2006:31-42
  7. 7. Buvat J. et al. Hormones, metabolism, aging and men’s health. Standard practice in sexual medicine, 2006;225-286
  8. 8. Lewis, R.W., Mills, T.M. Risk factors for impotence.. in: C. Carson, R. Kirby, Goldstein I. (Eds.)Textbook of Erectile Dysfunction. Ibis Medical Media, Oxford; 1999:141
  9. 9. Lue TF. Erectile dysfunction. N Engl J Med. 2000;342:1802-1813
  10. 10. Wespes E, Amar E, Hatzichristou D, et al. EAU guidelines on erectile dysfunction: an update. Eur Urol. 2006;49:806-815
  11. 11. Parazzini F et al. Frequency and determinants of erectile dysfunction in Italy. Eur Urol. 2000 Jan; 37(1):43-9
  12. 12. Giuliano, FA et al. Prevalence of erectile dysfunction among 7689 patients with diabetes or hypertension, or both. Urology, 2004;64(6), 1196-1201
  13. 13. Parazzini, F et al. Diabetes, cardiovascular diseases and risk of erectile dysfunction: a brief narrative review of the literature. Archivio Italiano di Urologia e Andrologia, 2009; 81(1), 24-31
  14. 14. Bandini, E et al. Severe depressive symptoms and cardiovascular risk in subjects with erectile dysfunction. The journal of sexual medicine, 2010;7(10), 3477-3486
  15. 15. Hatzimouratidis K et al. Guidelines on Male Sexual Dysfunction: Erectile Dysfunction and Premature Ejaculation. Eur Urol. 2010 Feb 20
  1. 16. Bang-Ping J. Sexual dysfunction in men who abuse illicit drugs: a preliminary report. J Sex Med. 2009 Apr;6(4):1072-80
  2. 17. Hatzimouratidis, K et al. Guidelines on male sexual dysfunction: erectile dysfunction and premature ejaculation. European urology, 2010;57(5), 804-814
  3. 18. Bollettino AIFA Bif. XIV N. 5 2007
  4. 19. Stacy Tessler Lindau, et al. A Study of Sexuality and Health among Older Adults in the United StatesN Engl J Med 2007; 357:762-774August 23, 2007
  5. 20. Shamloul R. Natural aphrodisiacs. J Sex Med. 2010 Jan;7(1 Pt 1):39-49
  6. 21. Costa P et al. Tadalafil once daily in the management of erectile dysfunction: patient and partner perspectives. Patient Prefer Adherence. 2009 Nov 3;3:105-11
  7. 22. Ricci, E. et al. Current drug use as risk factor for erectile dysfunction: results from an Italian epidemiological study. International journal of impotence research, 2003;15(3), 221-224
  8. 23. Chrysant, SG. Antihypertensive therapy causes erectile dysfunction. Current opinion in cardiology, 2015;30(4), 383-390
  9. 24. National Kidney and Urologic Diseases Information Clearinghouse. Erectile dysfunction. http://kidney.niddk.nih.gov/kudiseases/pubs/ED/index.html Ultimo accesso Luglio 2016
  10. 25. Rosen R, Altwein J, Boyle P, et al. Lower urinary tract symptoms and male sexual dysfunction: the Multinational Survey of the Aging Male (MSAM-7). Eur Urol. 2003;44:637-649
  11. 26. McVary KT et al. Update on AUA guideline on the management of benign prostatic hyperplasia. J Urol. 2011; 185(5):1793-803
  12. 27. Roehrborn, CG et al. Guidelines for the diagnosis and treatment of benign prostatic hyperplasia: a comparative, international overview. Urology. 2001; 58(5), 642-650
  13. 28. McVary KT et al. American Urological Association Guideline: Management of Benign Prostatic Hyperplasia (BPH) Revised, 2010. ©2010 American Urological Association Education and Research, Inc.
    http://www.auanet.org/content/guidelines-and-quality-care/clinical-guidelines.cfm?sub=bph. Accessed 17 December 2012
  14. 29. Braun MH et al.. Lower urinary tract symptoms and erectile dysfunction: co-morbidity or typical "aging male" symptoms? Results of the "Cologne Male Survey." Eur Urol. 2003;44;588-594

ATTENZIONE! State abbandonando il sito www.lillyuroandrologia.it, contenente materiale conforme alla normativa vigente. Le informazioni contenute nel nuovo sito prescelto possono non essere coerenti con il D. Lgs. 219/06 che regola la pubblicità sui medicinali per uso umano e le opinioni eventualmente espresse non riflettono necessariamente le posizioni dell’Azienda, né sono da essa avallate. Eli Lilly non è responsabile dei Termini d’Uso e di Privacy del sito al quale vi state indirizzando, che consigliamo di verificare una volta entrati.

X