Il Profondo Impatto Della De E Della IPB Il profondo impatto della de della IPB

IL PROFONDO IMPATTO DELLA DE E DELLA IPB

La Disfunzione Erettile va oltre le difficoltà fisiche dell’erezione. L’impatto profondo e nascosto, spesso sottovalutato e trascurato, abbraccia la sfera emotiva dell’uomo e della partner1,2,3,4,5,6. Ad essere compromesse, infatti, sono anche l’identità maschile, il ruolo sociale dell’uomo e la qualità della relazione con la partner che, con il tempo, perde la spontaneità e la naturalezza dei momenti di vita sessuale.

guarda l’infografica

Ad aggravare questi aspetti possono intervenire anche i disturbi urinari da Iperplasia Prostatica Benigna.

Quello della Disfunzione Erettile è un campo dalle numerose contraddizioni.
Nonostante infatti emerga forte il disagio di uomini e partner (in uno studio epidemiologico, la DE è percepita come un problema dal 69% degli uomini che l'hanno sperimentata e dal 74% delle donne che avevano una relazione con un paziente affetto da DE2), ci vogliono mediamente 26 mesi dalla comparsa dei primi sintomi di DE perché il paziente cerchi un aiuto adeguato e si rivolga ad un medico.7 Non solo. La maggioranza degli uomini non cerca né una diagnosi, né un trattamento per la DE, sottovalutando le conseguenze sulla percezione che l’uomo ha di se stesso e i rischi per la salute in generale.

guarda l’infografica

Nell'85% dei casi che necessitano di un trattamento farmacologico è richiesto l'utilizzo di un inibitore di PDE5.7
In generale si crede che la DE possa essere curata in modo efficace utilizzando semplicemente una pillola al bisogno. Tuttavia, nei soggetti che ricevono una terapia al bisogno, i dati di una ricerca rivelano che i bisogni dell'uomo vanno ben oltre l'erezione. Gli uomini infatti fanno esplicito riferimento alla necessità di recuperare spontaneità, naturalezza, capacità di lasciarsi andare senza programmare e capacità di soddisfare il partner.8 Alcune terapie al bisogno, infatti, non sono in grado di garantire quella spontaneità nelle relazioni sessuali auspicata dalla maggioranza degli uomini.

Anche gli uomini che assumono un trattamento per la DE possono sentire l'esigenza di recuperare molto di più rispetto all'erezione.

Recuperate le funzioni base legate all’erezione, ci sono altri aspetti che diventano più importanti.8

Profondo Image

Il dialogo aperto con il proprio medico è il solo approccio in grado di individuare il trattamento più adeguato, quello che può migliorare la qualità della vita sia degli uomini che delle loro partner.

Come la DE, anche nel caso dell'Iperplasia Prostatica Benigna (IPB) l’impatto negativo non può essere circoscritto ai sintomi urinari a carico del basso tratto urinario (LUTS), ma va esteso agli effetti a livello emotivo su pazienti e partner.3,4,5,6
In un sondaggio riguardante l'impatto della IPB sugli aspetti specifici della Qualità della Vita, le principali problematiche riferite dai pazienti affetti da tale condizione hanno tenuto in considerazione il sonno, l'ansia, la capacità di mobilità al di fuori dell'ambiente domestico, il divertimento, le attività quotidiane, il benessere, l'attività e la soddisfazione a livello sessuale. Rispetto alle questioni strettamente sessuali, i tre elementi principali sono stati la soddisfazione nei rapporti, la frequenza e la capacità di sostenere un rapporto. Nel dettaglio, più del 50% dei pazienti con sintomi prostatici ha riferito di essere disturbata da questa condizione nella relazione sessuale.9

guarda l’infografica

bibliografia

  1. 1. Costa P, Grivel T, Gehchan N. Tadalafil once daily in the management of erectile dysfunction: patient and partner perspectives. Patient Prefer Adherence. 2009;3:105-111
  2. 2. Wagner G, Fugl-Meyer KS, Fugl-Meyer AR. Impact of erectile dysfunction on quality of life: patient and partner perspectives. Int J Impot Res. 2000;12(suppl):S144-S146
  3. 3. Hunter DJW. Health status and quality of life of British men with lower urinary tract symptoms: results from the SF-36
  4. 4. Garraway WM. Impact of previously unrecognized benign prostatic hyperplasia on the daily activities of middle aged and elderly men. Br J Gen Prac. 1993;43:318-321
  5. 5. Girman CJ. Natural history of prostatism: impact of urinary symptoms on quality of life in 2115 randomly selected community men. Urology. 1994; 44(6):825-831
  1. 6. Mitroupoulos D. Symptomatic benign prostatic hyperplasia: impact on partners’ quality of life. Eur Urol. 2002; 41;240-245
  2. 7. Martin-Morales A, et al. The EPIFARM Study: An observational study in 574 community pharmacies in Spain characterizing patient profiles of men asking for erectile dysfunction medication. J Sex Med 2010; 7: 3153-3160
  3. 8. Burri A, Porst H. Results from an online survey investigating ED patients' insights and treatment expectations. Int J Impot Res. 2015; 27(5):191-6
  4. 9. Calais Da Silva F et al. Relative Importance of Sexuality and Quality of Life in Patients with prostatic Symptoms, Eur urol 1997;31:272-80

ATTENZIONE! State abbandonando il sito www.lillyuroandrologia.it, contenente materiale conforme alla normativa vigente. Le informazioni contenute nel nuovo sito prescelto possono non essere coerenti con il D. Lgs. 219/06 che regola la pubblicità sui medicinali per uso umano e le opinioni eventualmente espresse non riflettono necessariamente le posizioni dell’Azienda, né sono da essa avallate. Eli Lilly non è responsabile dei Termini d’Uso e di Privacy del sito al quale vi state indirizzando, che consigliamo di verificare una volta entrati.

X